Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email

Walter Binni
L'ultimo periodo della lirica leopardiana
 


a cura di Chiara Biagioli


Isbn: 9788860742674
Collana: Fondo Walter Binni

€ 12,00

Nel 1934 Walter Binni, ventunenne, è allievo della Scuola Normale Superiore di Pisa e presenta il suo “saggio di III anno in Letteratura italiana” presso la facoltà di Lettere della Regia Università di Pisa, di fronte a una commissione presieduta da Attilio Momigliano. La “tesina”, intitolata L’ultimo periodo della lirica leopardiana, segna l’inizio del percorso critico di Binni nel suo confronto personale con la poesia e la poetica di Leopardi che lo impegnerà per tutta la vita, e costituisce il nucleo originario della svolta più significativa nella critica leopardiana del Novecento rappresentata da La nuova poetica leopardiana pubblicata da Binni nel 1947.La “tesina del ’34”, fino ad oggi inedita, sarà ricordata da Binni ancora nell’edizione delle Lezioni leopardiane del 1994: «Questa interpretazione, discussa nel giugno del ’34 con Momigliano, piacque molto al Maestro, anche se la sua lettura leopardiana era diversamente orientata e pur ricca di spunti che approfonditi avrebbero portato anch’essi assai lontano dalla linea ‘idillica’ di impronta crociana e poi derobertisiana. E soprattutto piacque a me, e attraverso un articolo frettolosamente steso per un volume di scritti in occasione delle celebrazioni dei grandi marchigiani uscito nel ’35, la mia impostazione della poetica eroica dei canti dal Pensiero dominante alla Ginestra colpì un lettore attento come il Sapegno che giustappose al Leopardi idillico questa svolta eroica nel terzo volume del suo Compendio della letteratura italiana del 1946».
Informazioni sull'autore
Walter Binni (Perugia, 1913-Roma, 1997) è stato uno dei grandi maestri della critica letteraria del Novecento. Autore giovanissimo della Poetica del decadentismo (1936), antifascista dal 1936, deputato della sinistra all’Assemblea Costituente, nella sua lunga attività di docente universitario e di italianista ha proposto un metodo critico e un “nuovo modo di leggere” autori e opere fondamentali della nostra storia letteraria. Tra i suoi numerosi scritti: Vita interiore dell’Alfieri (1942), La nuova poetica leopardiana (1947), Preromanticismo italiano (1947), Metodo e poesia di Ludovico Ariosto (1947), Critici e poeti dal ’500 al ’900 (1951), Carducci e altri saggi (1960), Arcadia e Metastasio (1963), Classicismo e neoclassicismo (1963), Michelangelo scrittore (1965), Il Settecento letterario (1968), Saggi alfieriani (1968), La protesta di Leopardi (1973), Monti, poeta del consenso (1981), Ugo Foscolo: storia e poesia (1982), Lezioni leopardiane (1994), Studi alfieriani (1995), Metodo e poesia di Ludovico Ariosto ed altri saggi ariosteschi (1996), Poetica e poesia. Letture novecentesche (1999). La prospettiva metodologica che ha sostenuto il suo lavoro critico ha trovato esplicita esposizione in Poetica, critica e storia letteraria (1963, nuova ed. 1993). La sua biblioteca, donata alla Regione dell’Umbria, dal 2001 è collocata presso la Biblioteca Augusta di Perugia. Alla figura e all’opera di Walter Binni è dedicato il sito www.fondowalterbinni.it

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari