Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email

Raffaele Federici, Rosita Garzi
Farmacie, farmacisti e anziani
 
Il farmaco come se la persona contasse

Prefazione di Benedetto Natalini


Isbn: 9788860742964
Collana: Sociologica-mente

€ 17,00

«In ogni epoca, farmaco e società sono sempre stati in stretta connessione tra loro: la società ha sempre riposto nel farmaco una fiducia esagerata sulla capacità di sconfiggere le malattie, e gli assertori più convinti di queste proprietà taumaturgiche sono stati sempre e soprattutto i malati, vedendo rappresentata nel farmaco una ‘promessa di salute’, anche se non sempre mantenuta. A volte il rimedio è peggiore del male (Graviora quaedam sunt remedia periculis): vero per tutti, questo principio richiama a una ancora maggiore attenzione negli anziani, per se principali consumatori di farmaci, spesso in politerapia, con conseguenti problematiche relative alla corretta assunzione, compliance, interazioni con gli alimenti e tra gli stessi farmaci […]. E tuttavia, la platea di consumatori di farmaci si è andata via via allargando:ai farmaci per migliorare la salute, si vanno aggiungendo i farmaci per migliorare la qualità della vita (lifestyle drugs, smart drugs). Si è forse avverato il sogno di chi voleva produrre farmaci destinati a ‘chi sta già bene e vuole stare meglio’. Alla luce di questa nuova filosofia, è difficile stabilire chi sta bene: un tempo, stava bene chi ‘non stava male’ (!!). Oggi, è la misura di numerosi parametri fisiologici che fornisce lo stato di salute di un individuo.Per cui, chi crede di star bene, potrebbe essere solo uno sprovveduto che non si è sottoposto alla serie completa di analisi per stabilire con certezza che ‘non sta male’. E se si assumono farmaci per la caduta dei capelli, per l’invecchiamentio della pelle, per smettere di fumare, per controllare l’obesità, per controllare l’intestino irritabile, per controllare il deficit di attenzione e l’iperattività, per migliorare le prestazioni sessuali dell’uomo e della donna, ecco che le possibilità di incrocio interattivo si moltiplicano considerevolmente.»

(dalla prefazione di Benedetto Natalini)


Informazioni sugli autori


Raffaele Federici, Laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Roma. Ha seguito corsi di specializzazione in marketing presso la Scuola di Direzione Aziendale “L. Bocconi” di Milano. Ha svolto attività seminariale presso il DUEC dell’Università di Perugia. È stato docente di marketing presso l’Istituto Professionale di Stato Casagrande di Terni, in qualità di esperto. Pittore dilettante, è autore di un saggio in volume sul tema della formazione (I sistemi formativi di qualità). Cultore delle arti visive, cinematografiche e della musica jazz.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari