Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email

Angela Fiorelli, Paolo Verducci
Progetto e conservazione
 
Quattro interventi realizzati in terra d'Umbria

Isbn: 9788860746320
Pagine: 158
Anno di pubblicazione: 2016
Collana: ProGettare - Innovazione e valorizzazione del territorio e del patrimonio edilizio esistente

€ 16,00

Obiettivo centrale del testo è riaffermare la centralità del progetto di architettura in discipline come la conservazione, il restauro ed il recupero degli edifici antichi, sgombrando il campo da interpretazioni che, viceversa, vorrebbero praticare le suddette discipline in una dimensione ‘diversa’, ‘separata’ ed ‘autonoma’ rispetto alle logiche del progetto. Troppo spesso la storia e la riflessione sulle ragioni dell’architettura e sui suoi esiti sono tratte come un sistema a sè; d’altra parte anche il progetto tende ora ad essere collocato in una sorta di mondo autonomo e frettolosamente specifico, chiamando di volta in volta in causa, nell’approssimativa definizione di questa specificità, o gli aspetti più’ pratici e professionali del mestiere, ovvero la proposizione di diversi e talora labili sistemi di riferimento teorico. Nella pubblicazione vengono presentati quattro casi studio realizzati in terra d’Umbria in un arco temporale compreso tra il 2000 e il 2010. I primi tre interventi (due beni culturali ed un edificio privato) fanno parte dell’opera di ricostruzione conseguente al terremoto che colpì l’Umbria e le Marche tra Settembre 1997 e Marzo 1998. Il quarto intervento, relativo al recupero della Stazione ferroviaria di Sant’Anna a Perugia, costituisce uno dei pochi esempi di risanamento conservativo e adeguamento sismico di un edificio pubblico nel Comune di Perugia. Nello stesso periodo, all’interno del Corso di Laurea in Ingegneria Civile (specialistica) e Corso di Ingegneria Edile-Architettura, sono stati attivati i Corsi di Recupero e Conservazione I° e II°.


Informazioni sugli autori

Paolo Verducci (Todi, 1963), insegna progettazione architettonica presso l’Università degli Studi di Perugia. Nella stessa Università, dal 2000 al 2012 ha insegnato Architettura Tecnica e Recupero e Conservazione degli Edifici. La sua attività di ricerca è incentrata sulla sostenibilità dell’architettura, sullo sviluppo urbano intelligente e sulla conservazione e valorizzazione del patrimonio edilizio esistente (recente e non). È responsabile scientifico del Master di II livello PROGETTARE SMART CITIES, attivato dal Dipartimento di Ingegneria presso la sede di Palazzo Bernabei di Assisi in collaborazione con la multinazionale SIEMENS spa. È direttore scientifico della collana editoriale “Pro Gettare. Innovazione e valorizzazione del territorio e del patrimonio edilizio storico” presso la casa Editrice Morlacchi di Perugia.



Angela Fiorelli (Assisi, 1981), si laurea con il massimo dei voti presso la facoltà di Architettura di Firenze con una tesi in progettazione urbana dal titolo Da infrastruttura a città: un polo di ricerca per nuovi tessuti a Prato. Collabora alla ricerca e alla didattica con l’università di Perugia dal 2008 parallelamente all’attività professionale. Nel 2012 è assegnista alla facoltà di Ingegneria per un progetto di ricerca sulla riqualificazione del paesaggio industriale periurbano e la rigenerazione di aree dismesse. Ha pubblicato su testi e riviste di architettura prevalentemente sul tema della progettazione urbana, del paesaggio e dell’archeologia industriale. Ha inoltre collaborato all’organizzazione di numerosi seminari, mostre, manifestazioni e convegni di architettura tra cui FestArch 2011. Vive e lavora a Perugia.


www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari