Multimedia Morlacchi Varia
MULTIMEDIA
PINO JODICE DIRIGE GLI ALLIEVI DEL CONSERVATORIO DI MILANO AL TERMINE DELLA PRESENTAZIONE DEL SUO VOLUME "COMPOSIZIONE, ARRANGIAMENTO E ORCHESTRAZIONE JAZZ".
ECCO UN ASSAGGIO:

http://bit.ly/2rTRJDT

http://bit.ly/2slgEwG

PINO JODICE AL FIM 2017
Photogallery Morlacchi Varia
PHOTOGALLERY
Foto Galleria
Pescatori del Trasimeno: le immagini
...Pubblicato....
Fabio Melelli
Il cinema a pezzi
 


Isbn: 9788860741349
Collana: Musica, cinema, radio, televisione

€ 12,00

Pezzi di cinema o il cinema a pezzi? Sono stato a lungo indeciso sul titolo da dare a questa raccolta di articoli e brevi saggi.
Da un lato è indubitabile che si tratta di una collazione di divagazioni sul cinema (quindi pezzi sul cinema), dall’altro è possibile leggervi in filigrana la nostalgia per un cinema che va scomparendo aprendosi a nuove prospettive evolutive non necessariamente entusiasmanti.
Il cinema infatti è stato fatto a pezzi, da Hollywood in primo luogo, tutta concentrata nel realizzare blockbuster senz’anima destinati a platee di mangiatori di popcorn, ma anche dalla televisione, intenta a licenziare prodotti audiovisivi di indefinibile squallore, denominati “fiction”.
Buona parte dei “pezzi” contenuti in questo volume sono stati già pubblicati sulle pagine del quotidiano «L’Indipendente», a eccezione di una serie di testi redatti quale supporto per conferenze e lezioni (Cinema e cioccolato, Il medioevo di Pupi Avati, Cinema e costume, Maigret tra cinema e televisione, Il medioevo di Brancaleone).
La carrellata si apre con un articolo sull’Africa nel cinema e si chiude con un saggio del 2001 su cinema e cioccolato scritto in occasione di una conferenza tenuta presso l’Associazione perugina “Porta Santa Susanna”.
In appendice un saggio su Tomas Milian e il personaggio di Nico Giraldi, poliziotto anti-conformista, protagonista di una celebre serie di film diretti da Bruno Corbucci (saggio inizialmente scritto per un volume su Tomas Milian e Bruno Corbucci, in seguito mai pubblicato).

Il cinema a pezzi: L’Africa nel cinema; Alberto Lattuada, il regista che visse due volte; Attori e registi a mano armata: quando la polizia sparava e il cinema incassava; Ayn Rand e il cinema; I caratteristi: la spina dorsale del cinema; C’era una volta il western all’italiana; Che cane quell’attore!; Il cinema del ventennio: una rivalutazione necessaria; Cinema e costume; Il cinema nel pallone; Con i piedi di piombo. Il cinema italiano e il terrorismo; Gioco perverso; Maigret tra cinema e televisione; Il medioevo di Brancaleone; Il medioevo di Pupi Avati; Monica, Brigitte e le altre; Peppino Amato, una carriera costellata di pietre emiliane; Roma contro Roma; Sergio Leone, tra nostalgia e mito; Tre caratteristi per mezzo secolo di comicità; Il cioccolato nel cinema; Nico Giraldi, un maresciallo per Tomas Milian.

Informazioni sull'autore
Fabio Melelli, giornalista, critico cinematografico, è autore di numerosi libri. Per i tipi di Morlacchi Editore ha pubblicato Storie del cinema italiano (2002), Altre storie del cinema italiano (2002) e Il cinema a pezzi (2007) e i saggi «Baby Boom»: un film paradigmatico e Bagdad Cafè o le nuove frontiere del western nei volumi Partire da sè per intraprendere. Una lettura interdisciplinare di «Baby Boom» (2005) e L’incanto della donna saggia. Il capitale emozionale nell’impresa femminile. Una lettura interdisciplinare di «Bagdad Cafè» (2009).

Eventi

Premi e
concorsi


Morlacchi Editore - P.zza Morlacchi 7/9 - 06123 PERUGIA
Tel. 075-9660291 / Fax. 075-5725297
E-mail. redazione@morlacchilibri.com
Copyright © 2016
Website: Attilio Scullari