Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email


* Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo le Privacy Policy

Armando Pitassio
Storia dell’Europa Orientale
 


Isbn: 9788860744173
Collana: Storia Risorgimentale e Contemporanea

€ 22,00

Alla fine delle guerre napoleonicheun’amplissima area del continenteeuropeo era divisa tra quattro grandi realtàstatuali: l’impero ottomano, l’imperoasburgico, l’impero russo ed il regno diPrussia. Due secoli dopo, su quella stessaarea, gli stati sono poco meno di una trentina.Se si confronta questa realtà con quelladell’Europa centro-occidentale appare evidentequanto diversa sia stata la storia diqueste due parti di Europa per quanto riguardala formazione ed il consolidamentodell’istituzione statuale.A partire da questa osservazione elementarenasce lo stimolo a presentare, sia purea grandi linee, il percorso attraverso il qualel’area Europea Orientale nel giro di duesecoli è giunta ad una tale frammentazionestatuale: dalle grandi migrazioni di popolie dalla formazione dei primi stati medievalialla penetrazione del cristianesimo, dalconsolidamento di strutture imperiali allasopravvivenza al loro interno di differenzelinguistiche, religiose e amministrative funzionalialla successiva nascita di stati-nazione,dall’arretratezza economica allo sviluppo,diffusione e crollo del comunismo.
Informazioni sull'autore
Armando Pitassio è professore ordinario di Storia dell’Europa Orientale alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Perugia. Si occupa prevalentemente dei processi di costruzione dello stato nazionale nell’area danubiano-balcanica. Recentemente ha pubblicato Balcani nel caos. Storie e memorie di Vasilije Petrovic, Paisij Hilendarski, Sofronij Vracanski (ESI, 2003) e ha curato con Anna Baldinetti il volume Dopo l’Impero ottomano (Rubbettino, 2006). Per i nostri tipi è uscito nel 2000 il Corso introduttivo allo studio dell’Europa orientale dall’antichità a Versailles, del quale è in preparazione la seconda edizione.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari