Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email


* Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo le Privacy Policy

Carla Bino, Sara Mamone, Stefano Mazzoni, Caterina Pagnini
Forme dello spettacolo in Europa tra Medioevo e Antico Regime
 
a cura di Sara Mamone

Isbn: 9788860749529
Pagine: 214
Anno di pubblicazione: 2018
Collana: Morlacchi Spettacolo

€ 14,00

Il volume prende le mosse da una riflessione intorno ai metodi da applicare alla lettura critica delle fonti relative alla Storia dello Spettacolo. I saggi coprono un arco cronologico che va dal Medioevo al Seicento, e ne indagano i fenomeni rappresentativi più rilevanti: dal dramma della passione di Cristo ai rapporti tra la periferia e l’Impero all’epoca di Carlo V, alla definizione del teatro moderno attraverso il canone mediceo e la sua disseminazione nella Europa delle corti, con particolare riferimento a quella inglese degli Stuart. Ne scaturisce la vivida conferma di un’identità comune di lunga durata nella quale i meriti unificatori dello spettacolo sono tutt’altro che trascurabili.
Informazioni sugli autori


Sara Mamone (Genova, 1948), professore ordinario di Storia dello Spettacolo all’Università di Firenze, studiosa del teatro europeo di Antico Regime, è autrice, tra gli altri, dei volumi: Firenze e Parigi due capitali dello spettacolo per una regina, Maria de’ Medici (Milano, Silvana, 1988; ed. francese: Paris et Florence deux capitales du spectacle pour une reine, Marie de Médicis, Paris, Seuil, 1990); Dèi, Semidei, Uomini. Lo spettacolo a Firenze tra neoplatonismo e realtà borghese (XV-XVII secolo) (Roma, Bulzoni, 2003); Serenissimi fratelli principi impresari. Notizie di spettacolo nei carteggi medicei. Carteggi di Giovan Carlo de’ Medici e di Desiderio Montemagni suo segretario (1628-1664) (Firenze, Le Lettere, 2003); Mattias de’ Medici serenissimo mecenate dei virtuosi. Notizie di spettacolo nei carteggi medicei. Carteggio di Mattias de’ Medici (1629-1667) (Firenze, Le Lettere, 2013).


www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari