Multimedia Morlacchi Varia
MULTIMEDIA
Alberto Argirò presenta il suo libro "“Lo Zen e il tiro della batteria”
Photogallery Morlacchi Varia
PHOTOGALLERY
Foto Galleria
Arcimboldo perugino - presentazione
Vai al trailer
Luca Tomìo
La meravigliosa forma
 
Leonardo da Vinci e le Scienze della Terra

Introduzione di Carmelo Petronio


Isbn: 9788893920834
Pagine: 118
Anno di pubblicazione: 2019
Collana: Storia e storie

€ 12,00

Il pittore che ha fatto della scienza un’arte e dell’arte una scienza. Un paleontologo che ci racconta la visione del mondo di Leonardo. Uno storico dell’arte che ci svela i segreti di Leonardo geologo. Due scienziati che si scambiano i ruoli, ma in fondo si coadiuvano l’un l’altro, per gettare luce sul misterioso mondo che fa da quinta ai capolavori di Leonardo da Vinci. Un libro che si rivela nel punto dove la vita come materia si fonde con l’arte come spirito.

“Leonardo non è un geologo o un paleontologo ante litteram. Il suo obiettivo è comprendere il senso della nostra vita su un pianeta che chiama stella, perché pensa che le stelle brillino nel cielo ammantate d’acqua, come la Luna, e in certi suoi appunti ricorda infatti più Giacomo Leopardi che Galileo Galilei. La cosa che sembra più banale dire, ma che in fondo è la sua verità più vera, è che tutta la ricerca di conoscenza che lo ha caratterizzato, in tutti i campi dello scibile umano e naturale, ha l’unico fine di fargli trovare le migliori soluzioni per realizzare le migliori opere d’arte possibili e che includano il senso più profondo di quell’essere che lui chiama anche l’essere del nulla, non come lo intenderebbe Jean-Paul Sartre, ma come lo intende lui, un princìpio vivificante che anima tutta la materia vivente, una vera e propria anima del mondo”. Carmelo Petronio

“Se per la caverna in cui Leonardo ambienta la Vergine delle Rocce risulta determinate l’ascendente della mistica francescana, non bisogna tralasciare San Bernardo da Chiaravalle quando scrive troverai più nei boschi che nei libri; gli alberi e le pietre ti insegneranno ciò che non si può imparare da maestri. Una predisposizione mistica al rapporto diretto con il mondo naturale di cui non è testimone esclusivo il solo Leonardo ma anche quel Filippino Lippi che nella tavola alla Badia Fiorentina dipinge l’ispirazione del Santo per tramite appunto della Vergine Maria, già celebrata da Dante nel XXXIII canto del Paradiso, proprio in un contesto di rocce stratificate e con il suggello stoico di un motto, sustine et abstine, ascrivibile ad Epitteto, il novello Socrate maestro spirituale di Marco Aurelio, che ben rappresenta il clima di sincretismo culturale e spirituale inaugurato e diffuso a Firenze da un umanista del calibro di Agnolo Poliziano”. Luca Tomìo

Informazioni sull'autore

luca tomìo (Milano, 1970) storico e teorico dell’arte, già autore di studi su Leonardo da Vinci e il Rinascimento lombardo. Nel 2016, mentre dava avvio alle ricerche sul primo disegno di Leonardo (f. 8P) conservato al Gabinetto Disegni e Stampe delle Gallerie degli Uffizi, era curatore della mostra “Alighiero Boetti. Il filo del pensiero” presso l’Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze e della retrospettiva d’arte contemporanea “Il Paradiso inclinato”, presso l’Ex Dogana di Roma, con la presentazione di Achille Bonito Oliva e il patrocinio del MIBACT.

I suoi studi sul paesaggio umbro riscontrabili nel disegno di Leonardo degli Uffizi (datato 5 agosto 1473), presentato in varie occasioni convegnistiche del MIBACT, ne hanno determinato l’assegnazione temporanea, per una mostra da tenersi nel 2020, alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia.

I suoi studi sul paesaggio lombardo e sull’identità della Monna Lisa di Leonardo (Paris, Musée du Louvre) sono stati presentati nell’ottobre 2018 durante un convegno presso la sede della Città Metropolitana di Milano e nel contesto delle celebrazioni dei 500 anni di Leonardo a Vaprio d’Adda, a Gorgonzola, a Villa Arconati a Bollate e a Pasturo in Valsassina. Nell’aprile 2019, Città Metropolitana di Milano e Regione Umbria, hanno organizzato una conferenza congiunta sul tema “Leonardo da Vinci tra scorci di paesaggi umbri e lombardi”. I suoi studi sono confluiti nel documentario Identità Monna Lisa (Sydonia Production, distribuzione Mediaset) e con Città Metropolitana di Milano e Fondazione Lombardia per l’Ambiente sta preparando una guida ai luoghi vinciani milanesi e lombardi.

Per Morlacchi Editore ha già pubblicato, insieme al giornalista Marco Torricelli, Leonardo da Vinci. Le radici umbre del Genio (prima edizione, agosto 2018) e Leonardo da Vinci. Il genio che si è fatto uomo (gennaio 2019).

Eventi

Premi e
concorsi


Morlacchi Editore - P.zza Morlacchi 7/9 - 06123 PERUGIA
Tel. 075-9660291 / Fax. 075-5725297
E-mail. redazione@morlacchilibri.com
Copyright © 2016
Website: Attilio Scullari