Multimedia Morlacchi Varia
MULTIMEDIA
Alberto Argirò presenta il suo libro "“Lo Zen e il tiro della batteria”
Photogallery Morlacchi Varia
PHOTOGALLERY
Foto Galleria
Arcimboldo perugino - presentazione

Maria Rosaria Luzi
Inseguendo l'azzurro dei giorni
 


Isbn: 9788893921268
Pagine: 134
Anno di pubblicazione: 2019
Collana: In versi

€ 13,00

Effetti e affetti di una vita, spesa a testimoniare le opere e i giorni col viatico infallibile della poesia. Il mondo di Maria Rosaria Luzi si tinge di azzurro. L’azzurro del fiordaliso: un toccasana per gli occhi del corpo e per quelli del cuore. “Del sempiterno azzurro la serena ironia / bella indolentemente al pari dei fiori”, dice Mallarmé. Un azzurro che, come “il treno dei desideri / nei… pensieri all’incontrario va”, attraverso i sentieri della memoria. Un azzurro che non si trova per caso, ma va testardamente cercato. Forse, addirittura, “inseguito”. Sandro Allegrini

La poesia di Maria Rosaria Luzi, nel suo scavare nell’intimo, nella luce dei suoi azzurri-fiordaliso, nell’afflato che infonde e trasporta, ci riporta nella Terra dei 5 Sensi, oggi quasi perduta, minata dalla globalizzazione, noi alla continua ricerca di un appiglio con un mondo dove recuperare un contatto primitivo, anche con noi stessi. “Gli oltremondi in fondo sembrano subito contromondi inventati da uomini stanchi, sfiniti, essiccati dai ripetuti viaggi tra le dune o sulle piste pietrose arroventate” scrive il filosofo Michel Onfray. E ci allontana anche dal vero e dal certo, da quel dispositivo che cristallizza e blocca un’epoca su rappresentazioni fisse, quello che Platone definiva episteme. Questa poesia insomma ci permette di respirare. Ci fa recuperare l’impossibile e ci riconnette al primordiale. Quello dei sensi. Marilena Moretti Badolato

Maria Rosaria Luzi esplora le potenzialità del linguaggio quotidiano, e a tratti vi infonde moduli della tradizione lirica, in un dettato poetico che si snoda tra immagini dense di storia, tra visioni d’arte e anelito al sublime. In questo continuo bilanciamento tra registro famigliare e sostanza apollinea della poesia, l’ordito cristallino si intreccia nella trama dell’oltre e dell’altrove, creando un tessuto nuovo e imprevedibile. Il lettore scopre che dietro la sintassi limpida e facile ci sono vibrazioni remote che si addensano solo nella chiusa, alla fine del viaggio tra cielo e terra, come un dono di cui ci si appropria con facilità per poi restar irretiti in un piano più alto e misterico, quello dell’iniziazione alla vita. Donato Loscalzo


Augurio

Vivi la vita
a passo di danza
leggera come un aquilone
che dondola felice
nell’azzurro
ma sfida anche il vento
più turbinoso.
Ama i suoi colori
i suoi profumi
la sua bellezza
il suo canto
vestito di fiori.
Vivila come un’avventura unica
come un sogno
nei viaggi del cuore.

Informazioni sull'autore
Maria Rosaria Luzi (Perugia), dopo la laurea in Lettere Moderne, intraprende la carriera d’insegnante. Il suo primo libro di versi, Follia d’amore, è del 1981. Sono successive le raccolte: Soltanto amore (1987) con prefazione di Mario Luzi, Memoria e sogno (1999), Lascia che ogni giorno (2001), La conchiglia e l’oceano (2004) che si apre con un saggio di Sandro Allegrini e si chiude in quarta di copertina con una bellissima nota di Mario Luzi, Trame di luce (2007) con prefazione di Fernanda Caprilli, Dentro la poesia di Maria Rosaria Luzi (2008), una monografia in cui la poetessa ripercorre il proprio itinerario esistenziale e artistico, a cura di Fulvio Castellani, Filamenti invisibili (2010), Il canto del silenzio (2013) e Nel cuore ferito dell’essere (2016).

Eventi

Premi e
concorsi


Morlacchi Editore - P.zza Morlacchi 7/9 - 06123 PERUGIA
Tel. 075-9660291 / Fax. 075-5725297
E-mail. redazione@morlacchilibri.com
Copyright © 2016
Website: Attilio Scullari