Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email


* Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo le Privacy Policy

Fabio D'Andrea, Antonio De Simone, Fabio Di Clemente, Fabrizio Fornari
Tra Dilthey e Habermas
 
Esercizi di pensiero su filosofia e scienze umane

Guarda il video "Morlacchi Editore incontra Antonio De Simone"


Isbn: 9788860740069
Collana: Biblioteca di Cultura Morlacchi

€ 25,00

La consapevolezza critico-problematica che la filosofia e la teoria sociale dovessero necessariamente interfacciarsi lungo la traiettoria avanzata della modernità – tra Dilthey e Habermas – in una trama inestricabile con altri universi di discorso espressi dalle scienze umane, viene ampiamente tematizzata, ricostruita e attualizzata negli esercizi di pensiero svolti dagli Autori di questo libro. Ogni epoca possiede una sua specifica autoriflessività. Quella qui restituita testimonia come sia nell’essere, nell’agire e nel contemplare, che nella conoscenza, nella comprensione e nella comunicazione, la soggettività moderna e l’individualità contemporanea si configurano emblematicamente come caratterizzate e attraversate da profondi e ambivalenti conflitti di senso che pervadono gli ordinamenti e le diverse forme di vita, i modelli di razionalità (scientifica, economica, politica e sociale), il processo storico di individualizzazione e le differenti grammatiche espressive e pratiche quotidiane relative alle condizioni e agli stili di esistenza. Nella loro reciproca autonomia e complementarità, tali esercizi di pensiero intendono offrire una visuale interpretativa di alcuni di questi conflitti di senso. Nell’attraversamento della contemporaneità, essi ritengono che si possa ulteriormente tematizzare – entro e oltre le scissioni e le patologie del presente – l’orizzonte aperto e dilemmatico che, nel tempo storico della frammentazione, disegna i profili di un’ermeneutica critica valorizzante la dimensione fenomenologico-ontologica, la prassi teorico-critica e la rete di connessioni trasversali che ancora oggi può aiutare a comprendere gli “enigmi” di senso che dicono dell’umano nelle sue plurali configurazioni e nella sua ineffabile “politicità” che concretamente lo getta nella corrente della storia.
Informazioni sugli autori

Fabrizio Fornari è Professore di Sociologia generale presso l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Si è occupato di epistemologia delle scienze sociali, delle principali correnti della sociologia del Novecento, nonché di temi legati alla teoria sociale e alla metodologia della ricerca. Tra le sue principali pubblicazioni ricordiamo: Introduçâo à sociologia do conhecimento (con F. Crespi), Edusc, Bauru-Brasil 2000, Spiegazione e comprensione. Il dibattito sul metodo nelle scienze sociali, Laterza, Roma-Bari 2002, Alétheia e Noein, Edimond, Città di Castello 2009, Il baule di Newton, Morlacchi Editore, Perugia 2014.



Fabio D’Andrea è ricercatore in Sociologia presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Perugia, dove insegna discipline sociologiche. Ha dedicato saggi e volumi ai processi culturali contemporanei, alla sociologia francese contemporanea e alla messa a punto di una rilettura del pensiero di Simmel, tra cui Soggettività e dinamiche culturali in Georg Simmel Jouvence 1999), Semplicemente complesso. Paradossi di Simmel e paradigmi di Morin, in M.C. Federici (a cura di), Georg Simmel e la sociologia omnicomprensiva (Morlacchi 2001) e Georg Simmel. Un percorso verso un’altra modernità, in A. De Simone (a cura di), Leggere Simmel. Itinerari filosofici, sociologici ed estetici (QuattroVenti 2004).

ANTONIO DE SIMONE, filosofo e saggista, è professore di Storia della filosofia e Filosofia della cultura all’Università di Urbino. Con un peculiare stile intellettuale si è occupato del pensiero filosofico, politico, etico-giuridico, ermeneutico, estetico e sociologico moderno e contemporaneo; ha analizzato, tra l’altro, il rapporto tra soggetto, conflitto e potere nelle metamorfosi della modernità a partire da Machiavelli; ha inoltre contribuito alla ricezione nazionale e internazionale dell’opera di Georg Simmel e di Jürgen Habermas. È autore di oltre una quarantina di volumi; tra di essi, quelli che più ne hanno segnato la ricerca sono: Lukács e Simmel (1985); Tradizione e modernità (1993²); Dalla metafora alla storia (1995); Tra Gadamer e Kant (1996); Senso e razionalità (1999); Habermas (1999²); Georg Simmel (2002); Filosofia dell’arte (2002); L’Io ulteriore (et al., 20053); Oltre il disincanto (2006); L’ineffabile chiasmo (2007); Intersoggettività e norma (2008); L’inquieto vincolo dell’umano (2010); Passaggio per Francoforte (2010); Conflitti indivisibili (et al., 2011); Dislocazioni del politico (2011²); Conflitto e socialità (2011); Il soggetto e la sovranità (2012); Dell’umano evento (et al., 2012); Alchimia del segno (2013); Machiavelli (2013); L’arte del conflitto (2014); L’Io reciproco (2016); Intervista a Machiavelli (et al., 20173); Il ponte sul grande abisso (2017²); La via dell’anima (2017); Dismisure (2017); Il primo Habermas (2017). Ha inoltre curato le raccolte di saggi Leggere Simmel (2004); Identità, spazio e vita quotidiana (2005); La vita che c’è (et al., 2006, 2 voll.); Diritto, giustizia e logiche del dominio (2007); Paradigmi e fatti normativi (2008); Per Habermas (et al., 2009); Leggere Canetti (et al., 2011). Nel 2013-14, con l’Abilitazione Scientifica Nazionale, ha ottenuto l’idoneità a professore ordinario di Storia della filosofia e di Filosofia politica. Ha ricevuto premi e riconoscimenti di prestigio per la sua attività scientifica. Collabora con riviste nazionali e internazionali, di alcune delle quali è membro del Comitato Scientifico. È direttore di collane editoriali. Coordina il Seminario permanente di filosofia e teoria politica, giuridica e sociale.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari