Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email


* Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo le Privacy Policy

Alessandro Campi
Una certa idea dell'Umbria
 
Cronache scettiche dal

Isbn: 9788889422953
Collana: Saggi e studi di scienze politiche e sociali

€ 13,00

Per alcuni l’Umbria è il “cuore verde” d’Italia, un autentico paradiso turistico: natura incontaminata, borghi e cittadine di grande fascino, un patrimonio d’arte per molti versi unico. Per altri è il “cuore rosso” del Paese: un modello di stabilità politica, di convivenza sociale e di corretta amministrazione. Ma quanto rispondono a verità, dal punto di vista storico e dell’attualità politica, immagini così stereotipate? L’Umbria è davvero, come spesso si continua a ripetere, un’“isola felice”, una sintesi virtuosa di spirito francescano e di socialismo manageriale, di “buona vita” e di “buongoverno”? Prendendo spunto dalla cronaca degli ultimi anni, il libro di Campi intende suggerire un’immagine dell’Umbria meno agiografica di quella abitualmente veicolata a livello ufficiale e, al tempo stesso, più articolata e complessa: l’immagine di una regione alle prese con storici problemi di identità, territorialmente frammentata, demograficamente in via di progressivo invecchiamento, con una struttura sociale ed economica largamente dipendente dai trasferimenti pubblici (nazionali ed europei), priva di ricambio politico-istituzionale e di un effettivo pluralismo, con una società civile scarsamente autonoma e dinamica e una sfera pubblico-partitica che svolge un ruolo debordante rispetto agli altri attori sociali. L’idea di fondo del volume è che il sistema di potere costruito nel corso degli anni dalle forze politiche di sinistra abbia fatto il suo tempo e che proprio ad esso vadano imputati il rallentamento nello sviluppo economico, il conformismo che oggi caratterizza il dibattito pubblico regionale e lo scarso dinamismo delle sue componenti sociali. Per l’Umbria, che pure ha grandi potenzialità e risorse, è forse giunto il momento di ripensare la propria storia, di rinunciare a idee e visioni progettuali non più all’altezza dei tempi e di costruire il proprio futuro su basi diverse da quelle del passato.
Informazioni sull'autore
Alessandro Campi (1961) è professore associato di Storia delle dottrine politiche nell’Università di Perugia. Tra i suoi libri più recenti: Giovanni Gentile e la Rsi. Morte “necessaria” di un filosofo (2001); Mussolini (2001), Il ritorno (necessario) della politica (2002); Il nero e il grigio. Fascismo, destra e dintorni (2003); Nazione (2004). Ha curato, tra gli altri, i seguenti volumi: Destra/Sinistra. Storia e fenomenologia di una dicotomia politica (1997, in collaborazione con A. Santambrogio); Che cos’è il fascismo? Interpretazioni e prospettive di ricerche (2003); Pensare la politica. Saggi su Raymond Aron (2005). Ha inoltre curato scritti e testi di Raymond Aron, Julien Freund, Juan J. Linz, Hans J. Morgenthau, Carl Schmitt. All’attività scientifica affianca quella pubblicistica e quella di organizzatore culturale. Editorialista del Giornale dell’Umbria, dirige attualmente il quadrimestrale Diomede.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari